Cronaca della Dedicazione della Chiesa e della Consacrazione dell'Altare


Dopo una lunga preparazione culminata con il triduo di preparazione che ci ha fatto riflettere sulla natura della Chiesa così come ci è stata proposta dal Concilio Ecumenico Vaticano 2° nella costituzione dogmatica “ Lumen Gentium “ ecco che il giorno 7 novembre alle ore 18,30 la comunità Parrocchiale e i vari membri della famiglia Vincenziana ( Missionari – Figlie della carità – Volontariato Vincenziano e popolo osannante) ha accolto il nostro rev.mo Arcivescovo Metropolita Mons. Salvatore Gristina per la solenne Liturgia di dedicazione e di consacrazione dell’altare e della Chiesa del SS. Sacramento Ritrovato.

Immagine


Erano presenti i missionari Vincenziani : P. Valerio di Trapani – P. Giovanni Cosentino – P. Salvatore Farì – p. Francesco Marti – P. Carmine Madalese e i sacerdoti Diocesani : P Massimiliano Parisi che ha diretto la liturgia- P. Giuseppe Putrino – P. Raffaele Landolfo – P. Alfio Salemi – e P. Salvatore Cucè, altri sacerdoti hanno espresso la loro partecipazione ma per la concordanza di impegni pastorali non sono potuti essere presenti, come anche per lo stesso motivo non potendo essere presenti hanno espresso la loro partecipazione e auguri il provinciale dei Vincenziani P. Biagio Falco e P. Vitello Pietro antico parroco di questa parrocchia.
Hanno partecipato i diaconi Licita Giuseppe - Guido Alberto – Mirone Alessandro – Coco Venerando – Cannizzo Giuseppe - e gli Accoliti Hebern Giovanbattista e Salvo piscione – e vari ministranti giovani adulti e ragazzi che hanno servito dignitosamente e consapevolmente la Sacra liturgia.
Il Coro parrocchiale vestito in uniforme ha eseguito i vari canti ben preparati per la solenne liturgia.
Tra le autorità civili il Presidente della Provincia Regionale di Catania ha espresso la sua partecipazione delegando a rappresentarlo la dott.ssa Domenica Pagliaro capo dipartimento socio-culturale della provincia regionale di Catania; mentre il presidente della Corte di appello di Catania ha espresso i suoi auguri e la sua partecipazione con un fax, essendo anch’egli impedito per precedenti impegni.
La solenne liturgia ha avuto inizio con la processione dei ministri insieme all’Arcivescovo e del saluto del Parroco P. Giovanni Cosentino che ha ringraziato Sua Eccellenza e tutti i presenti e dopo aver fatto un breve excursus storico della Chiesa ha indicato le varie tappe con cui si è arrivati all’attuale costruzione dell’Altare e dell’Ambone, augurando al popolo di Dio di riprendere rinnovato nello spirito il suo cammino e portare quel Dio che scopre nelle fede e nei sacramenti, ai fratelli che incontra ogni giorno nel suo cammino.
Il Maestro d’arte Giacomo Alberghina ha dato il saluto e il ringraziamento alle autorità ed ha illustrato l’opera realizzata, spiegando i vari simboli e la natura del marmo usato nel realizzare l’opera.
Dopo di che, Sua Eccellenza Reverendissima ha proseguito con la benedizione dell’acqua e l’aspersione della Chiesa e del popolo presente in segno di penitenza e a ricordo del Battesimo.
Viene poi proclamata la Parola di Dio e nella Sua Omelia l’Arcivescovo ci ha fatto gustare il senso della liturgia che si stava svolgendo. Questo tempio è il luogo privilegiato dove verremo ad adorare Dio che vive in mezzo noi. In questo luogo avviene una sorta di matrimonio tra Dio e la Comunità cristiana della Parrocchia SS. Sacramento Ritrovato. Oggi consacriamo tutto e tutti al Dio santo per essere anche noi santi.
Commovente il canto della litania dei santi che ci faceva sentire vicini i nostri fratelli del cielo in questo momento così importante e la preghiera della dedicazione pronunziata dal nostro Arcivescovo e le varie unzioni dell’altare e delle parete della Chiesa,come anche l’ incensazione dell’altare, delle pareti della Chiesa dei ministri e del popolo.
Dopo di che si sono accese tutte le luci della Chiesa per indicare che la Chiesa illuminata da Cristo deve risplendere di questa luce nel mondo intero.
Si è proseguito con la celebrazione dell’Eucaristia che santifica il cuore dei fedeli e in qualche modo l’altare e il luogo della celebrazione.
Dopo la Santa Messa, la Comunità tutta è stata invitata a far festa nell’oratorio Parrocchiale dove è stato preparato un rinfresco e una magnifica torta di augurio per tutti.
Grazie a tutti e in special modo al nostro Arcivescovo che ci ha onorato fino alla fine della sua gioiosa e cordiale presenza.

Catania 7/11/2009
P. Giovanni Cosentino